READING

Street Photography: 8 tecniche per ottenere foto m...

Street Photography: 8 tecniche per ottenere foto meravigliose

La Street Photography è un vero è proprio genere fotografico che ha lo scopo di evidenziare in maniera artistica, gli aspetti della società riprendendo soggetti in situazioni reali e spontanee in luoghi pubblici. Non necessariamente l’ambientazione deve essere per forza la “strada”: qualsiasi luogo ove ci siano interazioni sociali rientra nei canoni della Street Photography. Ciò che importa veramente, quando ci si approccia a questo genere fotografico, è il tempismo nel cogliere un momento decisivo e ricco di pathos, affinchè la realizzazione finale della foto sia una testimonianza artistica della società contemporanea. Oggi non parleremo della storia della Street Photography, ma cercheremo sommariamente di indicarvi 8 modi diversi per avere degli scatti d’effetto per potervi approcciare al meglio e in modi differenti a questo bellissimo genere fotografico.

1- Fotografia diretta

Lewis Hine, Power house mechanic working on steam pump, 1920

Per “Fotografia diretta” intendiamo uno scatto privo dell’utilizzo di filtri, obiettivi pre-esposti ma anche dell’uso di particolari procedimenti di post produzione, sviluppo e stampa. L’immagine deve essere “pura” e quindi priva di qualsiasi cosa che la renda alterata (e di conseguenza meno vera).
Questo modo di fotografare è quello che un pò incarna la Straight Photography, un genere fotografico che ha poi dato le basi alla Street Photography per come la intendiamo oggi. Nata agli inizi del ‘900, la Straight Photography rifiutava ogni forma di manipolazione dell’immagine estranea alle specificità linguistiche del mezzo, sviluppandosi poi nella fotografia documentaria, genere che poi diede le basi alla nascita del fotoreporter.
Nella Straight Photography (e di conseguenza anche nella Fotografia Documentaria), non solo come abbiamo visto c’è il rifiuto di ogni mezzo in grado di alterare l’immagine, ma il fotografo cerca il più possibile di isolarsi dalla scena in modo da documentare la realtà nel modo più fedele e imparziale possibile.
Quindi se volete documentare in modo obiettivo particolari aspetti della realtà in cui vivete (con lo scopo principale quindi di documentare) o semplicemente ritenete che questo sia il modo più “puro” di fare Street Photography, allora questo è il modo di fotografare che fa per voi.


2- Candid Photography

Stefano Maraschio – The Writer

Nella Candid Photography la fotografia viene scattata evitando la preparazione preliminare del soggetto che viene catturato di sorpresa e senza distrarlo dal momento che sta vivendo durante lo scatto. L’elemento fondamentale è la totale assenza di una posa stabilita dal fotografo: il soggetto è assolutamente inconsapevole di essere fotografato.  Queste prerogative rendono senza dubbio la posa dei soggetti più naturale e spontanea, non li estrapolano dal contesto che stanno vivendo in quel momento ma li rendono parte integrante di esso.
Oggi però si pone il serio problema delle leggi sulla privacy e della condivisione molto diffusa delle immagini sul web e sui social networks. Capite bene che fotografare un soggetto che è inconsapevole di essere fotografato e poi pubblicare la sua foto su Facebook, potrebbe creare problemi a lui ma soprattutto a voi. Il consiglio, per rimanere fedeli a questo modo di fare Street Photography, è fare la foto a sua insaputa e poi avvicinare il soggetto successivamente. Una volta che vi siete presentati e dopo avergli fatto vedere la foto che avete scattato, il più delle volte c’è l’apprezzamento del soggetto che acconsentirà all’uso legittimo che vorrete fare della foto. Per stare poi tranquilli al 100%, il consiglio è quello di farvi firmare una liberatoria scritta.


3- Silhouette

Stefano Maraschio – Untitled

La Silhouette è un immagine di cui è definito solo il disegno dei contorni, ottenuta in genere fotografando il soggetto in controluce. Questa tecnica è molto apprezzata da molti fotografi per diverse ragioni. La prima è sicuramente perchè viene dato più spazio all’immaginazione di chi osserva la foto: non vedere volti riconoscibili, pone l’osservatore nella condizione di immaginare qualsiasi personaggio (anche sè stesso) all’interno della foto e della situazione.
Il secondo motivo è che all’interno della foto, si crea un’ambientazione magica e misteriosa che avvolge i protagonisti, dei quali non si ha nulla, ad eccezione di un’ombra.
Infine, con questa tecnica non si hanno problemi di privacy delle persone ritratte: i soggetti non sono assolutamente riconoscibili e questo ci permette di pubblicare tranquillamente la nostra foto dove vogliamo.


4- Utilizzare cartelli pubblicitari

Stefano Maraschio – Comments

Le nostre città sono piene di cartelli pubblicitari e stravaganti murales…e allora perchè non renderli parte integrante delle nostre foto? Possiamo creare un connubio perfetto tra il nostro soggetto e il cartello che ha alle sue spalle: e così una bella ragazza che passa sotto un manifesto raffigurante due signori che parlano tra loro e che sembrano commentare le belle forme della giovane, diventa la composizione ideale per mandare il nostro messaggio con ironia.
Come abbiamo detto, la Street Photography è una testimonianza artistica della società contemporanea. La pubblicità che ossessivamente irrompe nelle nostre vite, è purtroppo un elemento caratterizzante della nostra società. Diventa quindi giusto coinvolgerla anche nei nostri scatti, a testimonianza dell’epoca in cui viviamo, a patto che lo facciamo in modo artistico.
Sbizzarrite quindi la vostra fantasia, guardate ogni angolo della vostra città e vedrete che anche un semplice cartello pubblicitario può nascondere una foto notevole….se reso però partecipe nel giusto modo.


5- Soggetti in posa

Stefano Maraschio – Untitled

Come abbiamo visto, nella Candid Photography, il soggetto viene ritratto a sua insaputa e di sorpresa. Nulla ci vieta però di chiedere al protagonista della nostra foto di mettersi in posa per noi.
Molti fotografi di strada preferiscono questo approccio, piuttosto che fare fotografie di nascosto ad ignari passanti, ed i motivi sono tanti. Il primo è che preferiscono comporre la scena come vogliono, cercando di gestire luci e ombre a proprio piacimento.
In secondo luogo, tantissimi maestri della fotografia mettevano in posa nelle loro foto i soggetti presi dalla strada, sicuramente perchè ricercavano la sintonia tra sè stessi e colui che veniva ritratto. Anche oggi, tanti preferiscono trovare il feeling col soggetto al momento dello scatto.
Terzo, per una questione etica. Come detto prima, a tanti fotografi non piace fotografare persone senza il loro esplicito permesso, quindi chiedono loro il consenso di scattare, dopo essersi presentati.


6- Uso di grandangoli e fisheye

Edoardo Rutigliano – Tokyo, quartiere Shibuya

Con la grande diffusione delle reflex ad obiettivi intercambiabili, sono aumentate anche le possibilità di sperimentare diversi tipi di ottiche anche sulla strada.
Ecco quindi che lenti come grandangoli e fisheye vengono utilizzati per fare Street Photography. Molto apprezzate da tanti fotografi, queste lenti danno un tocco di surrealismo alla scena, nonchè nuovi punti di vista e maggiore dinamicità.
Ovviamente non tutti apprezzano queste ottiche per fare Street Photography, soprattutto i fedelissimi alla tradizione del 35mm, tanto caro ai grandi maestri della street.


7- Forti contrasti

Stefano Maraschio – In the night

L’illuminazione di vetrine o lampioni pubblici, possono essere elementi utili dove collocare il nostro soggetto e creare un’ambientazione davvero suggestiva. Infatti sfruttare il buio della notte e la tenue illuminazione di qualche lampione crea un contrasto davvero interessante e tinge di mistero i nostri sconosciuti soggetti.
Del resto, per poter fare Street Photography di notte e ottenere foto con un’esposizione accettabile, abbiamo due alternative: o sfruttare la magica atmosfera creata dall’illuminazione pubblica o abbagliare i nostri soggetti (magari ignari di essere fotografati) con un bel flash.
Cercate di sfruttare al meglio le morbide luci che la notte vi regala, sarete soddisfatti delle ambientazioni noir che otterrete nelle vostre foto.


8- Utilizzo di superfici riflettenti

Veronique Durand Nemo – Untitled

Vetrine, specchi d’acqua, pozzanghere e tutto ciò che di riflettente possa esserci in mezzo a una strada, possono aiutarvi a creare delle composizioni davvero originali. Sfruttando la luce adeguata e un angolo di scatto favorevole si possono creare delle foto con simmetrie praticamente perfette.
I riflessi sono apprezzati da molti fotografi di strada, soprattutto quelli creati dalle pozzanghere dopo una giornata di pioggia. Forza dunque, date sfogo alla vostra originalità e trovate l’angolazione giusta per cogliere un bel riflesso….occhio sempre però a non cadere nella banalità!


Bene! Vi abbiamo dato qualche indicazione per fare diversi scatti fotografici in tanti modi diversi, non vi resta che provare scendendo in strada con la vostra macchina fotografica al collo. Se cercate anche un gruppo dove poter discutere e proporre i vostri lavori, potete iscrivervi al nostro gruppo Facebook (cliccando QUI).
Infine, vi suggeriamo alcuni testi riguardanti la Street Photography, dove poter approfondire l’argomento. Clicca sui seguenti link e avrai la possibilità di acquistarli direttamente da Amazon:


RELATED POST

INSTAGRAM
FOLLOW US